Tarantini e l’Ape regina a giudizio per le escort a Palazzo Grazioli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gianpaolo Tarantini e Sabina Beganovic (l’Ape regina delle feste del Cav) rinviati a giudizio nel processo sulle escort che sarebbero state portate nella residenza dell’allora premier Silvio Berlusconi affinché si prostituissero.

Il gup del Tribunale di Bari Ambrogio Marrone ha rinviato a giudizio in tutto sette imputati: i fratelli Claudio e Gianpaolo Tarantini, la tedesca Beganovic (in arte Began), le attrici Letizia Filippi e Francesca Lana, e gli amici e soci in affari di Tarantini, Pierluigi Faraone e Massimiliano Verdoscia. Processo che comincerà il 6 febbraio prossimo dinanzi ai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Bari. A quattro degli otto imputati è contestato il reato associativo: Gianpaolo Tarantini, Faraone e Verdoscia e all’avvocato Salvatore Castellaneta. Quest’ultimo viene giudicato con rito abbreviato: la sentenza nei suoi confronti sarà emessa il 10 dicembre.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA