Tav bocciato, più costi che benefici. Depositata l’analisi degli esperti. Per costruire la Torino-Lione perdite tra 7 e 8 miliardi. In caso di stop 4,2 di penali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’analisi condotta mostra come, assumendo come dati di input relativamente alla crescita dei flussi di merce e dei passeggeri e agli effetti di cambio modale quelli non verosimili contenuti nell’analisi costi-benefici redatta nell’anno 2011, il progetto presenta una redditività fortemente negativa”. E’ quanto si legge nelle conclusioni dell’analisi costi-benefici sul progetto del Tav Torino-Lione pubblicata oggi sul sito del ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

“Nello scenario ‘realistico’ – prosegue il documento – il valore attuale netto economico (Vane), ovvero il saldo tra i costi e i benefici, risulta pari rispettivamente a -6.995 milioni considerando i costi ‘a finire’ (escludendo i soldi già spesi) e a -7.949 milioni qualora si faccia riferimento al costo intero”.

In caso di scioglimento del progetto del Tav il costo massimo tra penali e rimborsi potrebbe raggiungere i 4,2 miliardi. E’ quanto è possibile determinare sommando i vari importi contenuti nella Relazione tecnico giuridica collegata all’analisi costi-benefici del Tav. Molti sono importi massimi ‘difficilmente raggiungibili’. Tanto che nella relazione si spiega che “i molteplici profili evidenziati non consentono di determinare in maniera netta i costi in caso di scioglimento”. La variabile è dovuta a “più soggetti sovrani” che dovrebbero negoziare gli importi.

Se non venisse realizzata la tratta Avigliana-Orbassano, limitando il progetto alla cosiddetta mini-Tav, il Valore attuale netto economico dell’investimento (Vane) con costi ‘a finire’ (escludendo i soldi già spesi) ammonterebbe a -6.138 milioni e quello calcolato con riferimento al costo intero a -7.093 milioni. In caso di mancata realizzazione della tratta i mancati benefici per i passeggeri regionali risulterebbero pari a 305 milioni.