Tav, M5S: “Il rinvio senza alcuna penale per l’Italia è una grande vittoria di Conte. Ora si può ridiscutere integralmente l’opera”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ciò che sta accadendo in queste ore con l’avvio, da parte di Telt, degli inviti a presentare candidatura relativi agli interventi dei lotti francesi del tunnel di base della Torino-Lione, conferma quanto detto nei giorni scorsi dal Governo. Telt infatti specifica che gli avvisi di avvio delle gare contengono l’esplicitazione della ‘facoltà di interrompere senza obblighi e oneri la procedura in ogni sua fase’ e conferma l’impegno a verificare le volontà dei due Governi al termine della selezione delle candidature, prima di procedere all’invio dei capitolati di gara alle imprese'”. E’ quanto affermano in una nota i deputati del Movimento Cinque stelle delle commissioni Attività produttive e Trasporti.

“Siamo dunque riusciti a ottenere un rinvio senza alcuna penale per l’Italia. Non perderemo soldi – aggiungono dal M5S -, come sbandierato da tutti i giornali e le opposizioni in questi giorni, e non ci saranno costi per gli italiani. Semplicemente, come buon senso vuole, avremo la possibilità di ridiscutere integralmente l’opera, che è quello che c’è scritto nel contratto di governo”.

“Questa su Tav – affermano ancora i deputati del Movimento Cinque Stelle  – è una grande vittoria del Presidente Conte che si sta spendendo in prima persona per condividere con Francia e Unione Europea tutte le criticità di quest’opera pensata troppi anni fa e ormai inattuale e dannosa. La strada imboccata è quella auspicata dal MoVimento 5 Stelle: siamo contrari al TAV Torino-Lione e siamo convinti che non ci sia solo il TAV Torino-Lione: questo Paese ha un disperato bisogno di infrastrutture moderne e sicure ed è per questo che stiamo già sbloccando e finanziando cantieri fermi da anni per realizzare quelle opere di cui i cittadini hanno realmente bisogno”.

“Così come indicato nella lettera che ho inviato sabato alla Telt – ha spiegato in serata lo stesso premier Giuseppe Conte -, la società incaricata della realizzazione della Torino-Lione, l’eventuale avvio dei capitolati di gara è differito ai prossimi mesi e potrà avvenire solo in presenza di un consenso dei Governi italiano e francese. La Telt quest’oggi ha dato il via libera alla mera attività di presentazione delle candidature da parte delle imprese, senza oneri a carico dello Stato italiano. Esprimo piena soddisfazione per questo risultato. In questo modo manteniamo fede a quanto previsto dal Contratto di Governo, permettendo un’integrale ridiscussione della Tav, oltretutto senza perdere i finanziamenti europei. Ho già preso contatti con il presidente della Commissione europea Juncker e con il Presidente Macron, che vedrò a Bruxelles in occasione del prossimo Consiglio europeo di fine marzo. Con loro – conclude il presidente del Consiglio – confido di avviare un proficuo dialogo, alla luce dell’analisi costi-benefici recentemente acquisita”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA