Tecnocrati poco Gentiloni con l’Italia. Juncker chiede subito una manovra da 3,4 miliardi e Padoan prova a prendere tempo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Servono circa 3,4 miliardi di euro, una manovra bis che vale ben lo 0,2% del Pil. Questa è la richiesta, stando a quanto riportato da Repubblica, di Bruxelles all’Italia. E questa volta l’esecutivo non può più rinviare, dovrà mettere mano al portafoglio. Anche perché in caso contrario — la Commissione europea lo ha messo ben in chiaro nei contatti riservati delle ultime ore con il Tesoro — è pronta una procedura d’infrazione per deficit eccessivo a carico dell’Italia per il mancato rispetto della regola del debito. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan non ha smentito: “Vedremo se sarà il caso di prendere misure ulteriori per rispettare gli obiettivi, ma la via maestra è la crescita, che è la priorità del governo. Bruxelles ci ricorda che abbiamo un debito troppo alto che avrebbe dovuto cominciare a scendere da quest’anno”.

Come si ricorderà, prima del referendum la polemica tra l’allora premier Matteo Renzi e il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, era stata accesa. Troppo alto il deficit previsto in Legge di Bilancio con inevitabili ricadute negative sul debito. Ma poi Juncker, anche in vista del referendum italiano, a metà novembre aveva preferito non bocciare pubblicamente la manovra.

Ora, però, si torna a far sul serio. Il conto deve essere pagato.Secondo le previsioni economiche pubblicate lo scorso autunno da Bruxelles, ricorda ancora Repubblica, il deficit italiano viaggerà intorno al 2,4% del Pil, due decimali al di sopra del target concordato a Bratislava e di quello che la Commissione considera il tetto massimo per evitare una micidiale bocciatura dell’Italia da parte dell’Eurogruppo, il tavolo dei ministri delle Finanze della moneta unica dominato dai rigoristi Dijsselbloem e Schaeuble. Un giudizio questa volta condiviso da tutti a Bruxelles, dalle colombe come Juncker e il suo responsabile agli Affari economici Pierre Moscovici fino ai falchi come i vicepresidenti della Commissione Katainen e Dombrovskis.

Insomma, difficile che l’Italia possa riuscire a strappare altri trattamenti di favore. Si può invece ragionare sui “tempi”. Bruxelles la scorsa settimana ha chiesto al governo italiano un chiarimento e un impegno pubblico a correggere i conti entro il primo febbraio; Gentiloni e Padoan, invece, cercano di ottenere più tempo per definire un intervento, anche se sembra difficile andare oltre il mese di marzo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA