Tele e sculture da tutto il mondo. A Spoleto è già tempo di Art festival con la mostra d’arte contemporanea

La Baronessa Maria Lucia Soares con gli artisti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Grande successo della Mostra d’Arte contemporanea all’Auditorium della Stella, nel contesto dello Spoleto Art Festival 2018 organizzato da Luca Filipponi. In vetrina gli Artisti internazionali chiamati dalla baronessa Maria Lucia Soares, presidente dell’Associazione “Amici Il Dono dell’Umanità” e pittrice famosa per la sua esclusiva tecnica pittorica su tela di alcantara.

La manifestazione ha visto l’allestimento di diverse esposizioni personali all’interno dell’ex chiesa dei Santi Stefano e Tommaso, dedicata poi a Santa Maria della Stella, recentemente adibita ad Auditorium, tra le più belle testimonianze cittadine di architettura neoclassica del tardo Settecento.

Il Maestro dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia Fabio Palma ha curato con dovizia e raffinatezza l’allestimento scenografico, rendendo suggestiva e poetica la visione delle opere, e incanalando lo sguardo dei numerosi visitatori, che facevano ingresso nell’ex Basilica, verso il presbiterio e la preziosa abside curvilinea. Gli Artisti del gruppo della baronessa Soares presenti con soggetti pittorici, scultorei, fotografici e letterari, sono arrivati da varie parti del mondo.

Tra loro: Armandi, Giuliana Baldoni, Antonio Barbuto, Miriam Bellon, Roberto Benetton, Nino Camardo, Adriano Cipolletti, Francesco Dado, Isabella Ditaranto, Alessandro Ficola, Antonella Fiscarelli, Massimo Fuscone, Susanna Giannoni, Tiziana Gualandi, Davide Guzzi, Marina Hostacna, Beto Kelner, Katy Laudicina, Vittorio Lo Cicero, Laura Mattioli e molti altri.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA