Terremoto, i paradossi della ricostruzione in Molise. La scuola di Fossalto aveva retto al sisma. Dopo i lavori è diventata inagibile (VIDEO)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mentre si ragiona sulle modalità di intervento dopo il terremoto che ha devastato il centro Italia, un cattivo esempio arriva dal Molise. Tutti ricorderanno il sisma del 2002 dopo il quale persero la vita 27 bambini e una maestra. Ebbene, nella piccola regione italiana, ancora è emergenza. E i casi surreali abbondano. Secondo quanto raccontato alcuni giorni fa dal Fatto Quotidiano e poi rilanciato da L’aria che tira, a Fossalto, in provincia di Campobasso, c’è una scuola. O, anzi, c’era. Già, perché nonostante l’edificio abbia retto al terremoto, sono stati i lavori di adeguamento sismico a farla, paradossalmente, chiudere.

L’amministrazione comunale di allora aveva ricevuto 473 mila euro per lavori di adeguamento sismico da effettuare sulla scuola.

Il risultato è che dopo quei lavori, la scuola è diventata inagibile. Tanto che ora, a distanza di 14 anni da quel terremoto, il plesso è chiuso e occorrerebbe un altro milione di euro, ora, per riaprirla.

Qui il servizio de L’aria che tira:

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA