Terremoto senza fine. A Norcia il terreno è sceso di 70 centimetri e le piccole scosse continuano nelle zone già colpite

dalla Redazione
Cronaca

Intorno a Norcia il terreno è sceso di circa 70 centimetri dopo il terremoto. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha reso noto i dati preliminari dopo la violenta scossa di domenica 30 ottobre, che ha messo ulteriormente in ginocchio molti borghi di Umbria e Marche. “L’elaborazione delle immagini è in corso ma possiamo già dire che in alcune zone, come Castelluccio, l’abbassamento arriva fino a 70 centimetri”, ha spiegato Simone Atzori dell’Ingv. Queste parole rappresentano un’ulteriore conferma di quanto sia stato devastante l’effetto del sisma: ad Accumoli, dopo la scossa del 24 agosto, lo spostamento del terreno era stato di 20 centimetri.

Intanto, gli esperti continuano a monitorare la situazione: lo sciame sismico sta proseguendo con eventi sismici anche molto forti, compresi tra una magnitudo 4 e 5 (solo oggi ce ne sono state 2 dalle prime ore del mattino). Fortunatamente non si sono verificati nuovi crolli.