Terrorismo di casa nostra. Pronti a colpire in Italia fino al martirio: fermati a Brindisi due migranti legati ad Anis Amri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Operazione antiterrorismo della polizia e ancora una volta in Puglia, precisamente a Brindisi. Qui un cittadino congolese, in passato ospite del Centro per rifugiati di Brindisi-Restinco, è stato arrestato mentre un marocchino, risultato in contatto con Anis Amri, l’autore della strage al mercatino di Natale di Berlino, è stato espulso dall’Italia.

Dall’indagine della Digos di Brindisi, coordinata dalla Dda di Lecce e dalla Procura nazionale Antimafia e Antiterrorismo, è emerso che i due facevano parte di una cellula salafita operante a Berlino e avevano aderito all’Isis. E ora si stava organizzando per colpire proprio in Italia.

In manette, con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo internazionale, è finito Lutumba Nkanga, congolese di 27 anni e residente in Germania, mentre il marocchino Soufiane Amri, il ventiduenne che era in contatto con l’attentatore di Berlino, è stato espulso dall’Italia.

Entrambi, dicono gli investigatori, avevano aderito all’Isis ed erano pronti a compiere azioni violente, fino al martirio, in diversi scenari operativi. La cellula terroristica, che era composta da 11 membri, è stata scovata e definitivamente neutralizzata.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA