Terrorismo, il Vaticano finisce nel mirino. Ma la Digos prova a rassicurare: minacce al momento non riscontrate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Roma non sarebbe in pericolo almeno per  ora. Il capo della Digos di Roma, Diego Parente, prova a rassicurare l’Italia: “Non c’è al momento nessun riscontro sulle minacce al Vaticano ma l’allerta è massima”. Se da una parte però arrivano rassicurazioni intorno al Vaticano il servizio di sicurezza è stato rafforzato.  “In Vaticano il servizio era già cospicuo e sostanzioso”,  ha proseguito Parente, “adesso è stato rivisto come tutto il sistema di sicurezza della città che comprende tutti gli obiettivi sensibili presenti a Roma e che sono numerosi”.  Ma l’allarme non è solo intorno al Vaticano nella Capitale perché sono stati rafforzati i dispositivi di sicurezza al Ghetto e alla scuola ebraica.  “I servizi sono stati rimodulati e potenziati davanti a tutti gli obiettivi sensibili” ha detto Parente. Tra gli obiettivi sensibili anche le ambasciate, monumenti, luoghi culto e redazioni di giornali e tv.

Anche il ministro Angelino Alfanoha provato a frenare la psicosi terrorisimo: “Dopo le notizie che indicano il Vaticano come prossimo obiettivo dell’Isis, abbiamo fatto ulteriori verifiche e a noi non risulta, anche se il Vaticano è stato più volte citato dall’autoproclamato Califfo dell’Isis e sono apparse immagini con la bandiera nera sul Cupolone. Nel sistema di relazioni con le autorità di sicurezza degli altri Paesi – ha spiegato Alfano – abbiamo fatto verifiche e a noi non risulta”. Padre Federico Lombardi commenta: “Attenzione e ragionevole prudenza, ma non risultano segnalazioni di motivi concreti e specifici di rischio”.