Terrorismo, 300 bonifici dall’Italia per finanziare la Jihad. Soldi verso Siria, Yemen, Pakistan e Iraq

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Movimenti sospetti di denaro dall’Italia verso paesi come Siria, Yemen e Pakistan. Sono 300 i bonifici sospetti partiti dall’Italia forse per finanziare la jihad islamica dal 2009 ad oggi. Mille le operazioni sospette. Il quadro viene fuori dalle indagini dell’Unità informativa della Banca d’Italia. Movimento sospetti e alcuni sicuramente illegali: sono trecento i bonifici bloccati da Bankitalia nel biennio 2012-2013 perché diretti a sostenere la jihad. Come rivela La Repubblica nell’anno 2012 quando iniziò la guerra in Siria contro il regime di Bashar al Assad le transazioni sospette sono finite a finanziare i gruppi terroristici sono state 271. L’anno precedente 131. Le operazioni sospette sono state eseguite dall’Italia a favore di beneficiari esteri. Sempre secondo il pezzo di Repubblica a destare i sospetti sono state le persone che hanno eseguito i bonifici.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Una destra tutta suonata

La Sinistra ha stravinto le elezioni, ma c’è poco da festeggiare quando il successo arriva per abbandono dell’avversario, che già dopo il primo turno barcollava più di un pugile suonato. Nonostante l’avvertimento emerso quindici giorni fa dalle urne, Meloni e Salvini non hanno saputo riacquistare

Continua »
TV E MEDIA