Il Tg5 prende la strada di Cologno. Ma i giornalisti vogliono restare a Roma: presentato uno sciopero di tre giorni. Il primo venerdì 26 maggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I giornalisti del Tg5 sciopereranno il prossimo 26 maggio contro il possibile trasferimento della redazione da Roma a Milano. Interruzione dal lavoro per tutte e 24 le ore con solo tre finestre informative della durata di 5 minuti alle 8:00, alle 13:00 e alle 20:00. Quello di venerdì sarà soltanto il primo di tre giorni di sciopero.

Nella nota il comitato di redazione invita l’azienda di Cologno Monzese “a rinunciare al progetto che comporterebbe un ridimensionamento del ruolo del Tg5, il grave rischio di omologazione e appiattimento dell’offerta giornalistica di Mediaset oltre che disagi per centinaia di dipendenti giornalisti, impiegati, tecnici e operai costretti a un trasferimento che per molti rischia di trasformarsi nella perdita del posto di lavoro”.

Per il momento il Biscione non ha ancora preso alcuna decisione ufficiale rispetto alla possibilità di trasferire la redazione in Lombardia. Anche se, alcune fonti stampa, riferiscono di un’imminente decisione da parte di Mediaset sulla questione. Che andrebbe ad inserirsi nel piano risparmi, previsto per il triennio 2017-2020, che è stato presentato già nei mesi scorsi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA