Tim, l’amministratore delegato Flavio Cattaneo al passo d’addio. Scontro insanabile con Vivendi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Flavio Cattaneo dice addio a Tim. L’azienda ha fatto sapere che sono in corso di convocazione il Comitato Nomine e Remunerazioni, nonché, a seguire, il Consiglio di Amministrazione, con all’ordine del giorno “l’esame della proposta di definizione consensuale dei rapporti fra la Società e il dottor Flavio Cattaneo. Deliberazioni conseguenti”. Riunioni fissate a lunedì 24 lguglio.

L’amministratore delegato ha raggiunto l’intesa con l’azienda per definire le condizioni di uscita. Cattaneo era in carica dall’aprile 2016. Il rapporto si sarebbe definitivamente incrinato a causa dei rapporti con il nuovo azionista di maggioranza della compagnia, Vivendi. Cattaneo aveva un contratto che scadeva nel 2020

La riunione di lunedì dovrebbe tenersi nella sede di Roma. Il cda è, invece, fissato per il 27 luglio con la call conference il giorno dopo. Secondo quanto riferito dall’Agi il posto di Cattaneo dovrebbe andare a Giuseppe Recchi che diventerebbe quindi amministratore delegato, mentre potrebbe essere scorporata la carica di direttore generale che andrebbe a Amos Genish, sarebbe chief convergence officer di Vivendi. Al vertice della società rimarrebbe il presidente Arnaud de Puyfontaine.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA