Titolo choc della Die Welt: “Frau Merkel resti ferma. La mafia attende i soldi dell’Ue”. L’ira di Di Maio: “Affermazione vergognosa e inaccettabile. Berlino si dissoci”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Frau Merkel resti ferma”, è questo il titolo di un articolo dell’edizione online del quotidiano tedesco Die Welt (eccolo qui), in cui si chiede al governo tedesco di non cedere alle richieste italiane. Nel testo si scrive tra l’altro che in Italia la mafia stia aspettando i finanziamenti a pioggia dell’Ue. “La solidarietà è una importante categoria dell’Europa” ma “la sovranità nazionale nei confronti degli elettori è centrale”, scrive il giornale tedesco. La solidarietà, aggiungono dalle colonne della Welt, deve essere generosa, ma “senza limiti e controlli?”. “Dovrebbe essere chiaro che in Italia – dove la mafia è forte e sta adesso aspettando i nuovi finanziamenti a pioggia di Bruxelles – i fondi dovrebbero essere versati soltanto per il sistema sanitario e non per il sistema sociale e fiscale”. “E naturalmente gli italiani devono essere controllati da Bruxelles e usare i fondi in modo conforme alle regole”, si aggiunge. “Anche nella crisi del coronavirus i principi fondamentali devono valere ancora”, conclude. “Un’affermazione vergognosa e inaccettabile. Spero – ha commentato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio – che il governo tedesco ne prenda le distanze. L’Italia piange oggi le vittime del Coronavirus, ma ha pianto e piange le vittime della mafia. Non è per fare polemica ma non accetto che in questo momento si facciano considerazioni del genere”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA