Toninelli va all’incasso. Da Autostrade subito 290 milioni per la demolizione e la ricostruzione del ponte di Genova

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo mesi di incontri e di trattative si è sbloccata l’impasse tra il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, guidato da Danilo Toninelli, e la società Autostrade, che fa capo alla famiglia Benetton, sul ripristino del Ponte Morandi. Lo ha rivelato ieri lo stesso Toninelli con un tweet in cui ha spiegato: “Come promesso Autostrade per l’Italia pagherà l’intera somma della demolizione e della ricostruzione del Ponte di Genova. In una lettera l’impegno: 290,9 milioni che doverosamente tornano alla collettività”. Il governo punta a inaugurare il nuovo ponte nei primi mesi del 2020, come ha annunciato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo scorso 8 gennaio. “È una sfida che vogliamo vincere – ha detto il presidente del Consiglio -, a cui guardano non soltanto i genovesi ma tutti gli italiani”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA