Tornano le Stelle del Sud a riflettere sul meridione. Due giorni di dibattiti in Sila con istituzioni, imprenditori e giornalisti

di Sergio Patti
Cronaca

Dal Meeting di CL a Rimini alle feste dell’Unità, le ultime settime d’estate sono tradizionalmente l’occasione per riflettere sul Paese guardando il barometro economico e politico. Appuntamenti che nel Mezzogiorno restano più diradati, anche se alcune iniziative ormai presenti da anni iniziano a diventare “di rigore”. Tra queste parte oggi a Camignatello Silano, nel cuore della Sila, l’evento “Stelle del Sud”, una due giorni di dibattiti sui grandi problemi del meridione, dai vincoli all’impresa al condizionamento della criminalità, dalla difficile accoglienza dei migranti alle scommesse mancate dalla politica locale. A organizzare l’evento, giunto alla settima edizione, è l’associazione culturale Assud, di cui è animatore l’imprenditore Andrea Guccione, orgoglioso sostenitore di missione che ha l’obiettivo di diffondere la migliore immagine del Mezzogiorno. Tra gli eventi in programma tre tavole rotonde a cui parteciperanno tra gli altri il sottosegretario Dorina Bianchi, i parlamentari Nicola Morra (M5S), Francesco Sisto (FI), Marco Di Lello (PD), Armando Siri (Lega), e imprenditori come Mimmo Menniti, Francesco Divella, Floriano Noto e Raffaele Librandi, l’amministratore delegatodi Idi Farmaceutici Antonio Liguori, il responsabile area BCC, Carmine Daniele, il presidente del parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci e il generale dei Ros dei carabinieri Giuseppe Governale, i direttori de La Notizia Gaetano Pedullà e del Corriere della Calabria, Paolo Pollichieni, i giornalisti Rai Giuseppe Malara, Anna Maria Terremoto e Valentina Bisti, Carlo Puca di Panorama. Dopo l’esibizione di stasera di Tosca, chiude domani un’intervista di Paolo Del Debbio al procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri.