Tra M5S e Rousseau non c’è alternativa all’intesa. Continuano le frizioni tra i vertici M5S e Casaleggio. Ma alla fine l’accordo arriverà

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Davide Casaleggio presenterà lunedì prossimo il nuovo piano per la piattaforma Rousseau per i 2020-21. Le parole chiave del nuovo piano – dice il figlio del fondatore – saranno territorio e merito. Il fine è quello di rafforzare l’assemblea degli iscritti e quindi di far aumentare e recuperare il peso gravitazionale della piattaforma Rousseau che è stata negli ultimi tempi sotto attacco da parte di numerosi parlamentari Cinque Stelle, anche per motivi economici. Casaleggio richiama in una intervista lo Statuto e la divisione ivi sancita tra l’iniziativa politica e il ruolo della stessa piattaforma che deve concretizzare poi digitalmente il tutto.

Questo nuovo programma avviene nell’immediato a ridosso degli Stati Generali appena conclusi e che hanno visto la non partecipazione di Casaleggio in polemica con gli organi dirigenti del Movimento. Si tratta dunque di un ramoscello d’ulivo o di una clava? Intanto, insieme a Di Battista è sospettato di voler minare la maggioranza di governo, ma in ogni caso – ha prontamente dichiarato Casaleggio – su un eventuale sua modifica decideranno gli iscritti su Rousseau, cosa che turba molto i piani alti M5S. Ma lo stesso Luigi Di Maio si è detto disponibile a trovare un accordo con Rousseau.

Casaleggio ha peraltro anche lanciato una campagna di autofinanziamento 2020-21 per sopperire ai mancati introiti da parte dei parlamentari insolventi ed ha fatto notare che non serve una nuova segreteria essendoci già il Team del Futuro. Insomma alla situazione è confusa ed ancora incerta, ma è probabile e auspicabile che si trovi un accordo: se M5S e Rousseau prendessero strade diverse, del resto, sarebbe un po’ come se la falce e il martello scomparisse dalle bandiere dei partiti comunisti.

Non bisogna infatti dimenticare che il concetto di democrazia diretta che è il fondamento del “dogma M”, cioè del Movimento stesso, passa e si invera proprio nella piattaforma digitale che permette un rapporto diretto e dematerializzato tra elettore ed eletto. Rinunciare a Rousseau vorrebbe dire snaturare profondamente la natura del Movimento e quindi meglio trovare un nuovo spazio collaborativo, magari rivisto alla luce del profondo cambiamento emerso nella società, come del resto è fisiologico. Il Movimento sarà più forte con un nuovo Rousseau mentre si avvierebbe verso una malinconica normalizzazione in sua assenza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA