Tragedia di Lampedusa, il Vaticano alza lo voce. Europa e Italia latitano, ci prova la chiesa. Intanto l’esodo non si ferma: altri 200 arrivi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

Mentre ancora si cerca di recuperare le salme delle decine di persone intrappolate nella stiva del barcone affondato a Lampedusa, in Sicilia continuano gli sbarchi. All’alba di ieri hanno attraccato al porto di Pozzallo una nave francese con a bordo 29 siriani e un mercantile africano con 171 migranti che avevano soccorso in mare due barconi in difficoltà. Sul mercantile vi erano anche 45 minorenni e 28 donne. I migranti sono stati condotti nel centro di accoglienza di Pozzallo, che ospita anche i 62 eritrei arrivati con un volo da Lampedusa tra i superstiti del naufragio delle isole delle Pelagie. E’ un flusso continuo, che non si ferma davanti alle morti e tantomeno si può fermare davanti alle chiacchiere. Anche il presidente della Repubblica si accorge che l’Italia “è in questi giorni al centro di una vera e propria ondata di profughi, per cui oggi il problema è quello di risolvere il nodo dell’asilo politico. Ricordo – ha detto Napolitano – che c’è l’asilo, che è cosa diversa dall’immigrazione. Al centro della nostra attenzione c’è un’ondata di profughi, che non sono migranti, legali o illegali. Sono un’altra cosa”.

La priorità: agire
Senza nulla togliere all’importanza delle parole del Capo dello Stato, il problema non è di inquadramento legale-burocratico-legislativo. E’ prima di tutto pratico, Il rimbalzo tra Unione europea e Italia, la polemica interna sulla legge Bossi-Fini fanno a pugni con le immagini di uominie donne disperati che investono tutti i propri averi per provare a vivere lontano da un mondo dove non riescono più a sopravvivere. E a ricordare quali siano le priorità ci ha pensato addirittura il Vaticano, in un modo tanto inusuale, poco politicamente corretto e violento da squartare il velo di ipocfrisie che avvolge tali tragedie: “Visto che l’Italia e l’Europa latitano, ci prova la Chiesa – ha tweetato l’Osservatore Romano con le parole di monsignor Konrad Krajewski – perché non è più possibile rimanere inerti davanti a sciagure come quella di Lampedusa. Daremo un aiuto concreto a ciascuno dei superstiti, per provvedere alle esigenze più immediate”. E’ molto più di una semplice dichiarazione d’intenti: innanzitutto perché l’uomo che parla è l’inviato che papa Francesco ha spedito a Lampedusa all’indomani della tragedia, a testimoniare l’attenzione esplicita e diretta del pontefice che nella sua visita sull’isola a luglio scorso si scagliò contro la “globalizzazione dell’indifferenza” e chiese perdono per tutti i morti in fondo al mare. Ma soprattutto perché quelle parole sono già un fatto concreto: “Stiamo valutando come meglio poter sostenere le necessità materiali dei sopravvissuti – conferma don Stefano, il parroco di Lampedusa – Sarà una cosa semplicissima, ma sarà un aiuto concreto”.

Il disagio oltre la solidarietà
“Il centro di Lampedusa è attrezzato per 250 persone e attualmente ce ne sono circa 900. Per 103 donne e bambini è disponibile un unico bagno – informa la deputata del Psi, Pia Locatelli – e nel campo stanno ancora in piedi gli scheletri dei padiglioni degli edifici bruciati anni fa durante una protesta. Quando piove, i profughi usano i teli termici per costruire delle tende e donne e bambini trovano posto negli uffici e sui pullman.

Il recupero delle vittime
Per la prima volta i palombari dell’esercito sono riusciti a entrare ieri pomeriggio all’interno della stiva del relitto del barcone naufragato giovedì a Lampedusa. Hanno visto numerosi cadaveri stipati nella stiva, corpi abbracciati. Il bilancio ufficiale della strage, ancora provvisorio, sale a 232 vittime. Nel frattempo da Porto Empedocle sono arrivate oltre 150 bare. I feretri, caricati su alcuni camion frigo, sono stati trasportati nell’hangar dove già si trovano le bare di 111 vittime del naufragio e di 83 corpi recuperati domenica dai sommozzatori. Prosegue lo straziante compito dei sub per togliere dalla pancia del barcone tutte le vittime.