Tragedia sulla A16: precipita bus con pellegrini in provincia di Avellino. Un volo di 30 metri: 38 morti e 10 feriti. Gravi due bambini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono 39 al momento le vittime  dello spaventoso incidente che ha visto coinvolto un pullman caduto ieri sera da un viadotto della autostrada A 16, in Irpinia. Lo dichiara il comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Avellino, Alessio Barbarulo, ai microfoni di SkyTg24.
Trentasei i corpi recuperati dai pompieri dalla carcassa del bus,due le persone decedute in ospedale. Secondo Barbarulo, “tre bambini dovrebbero essere ancora ricoverati e non risulta che nessuno di loro sia deceduto”. I Vigili del fuoco hanno trascorso la notte a estrarre dalle lamiere dell’autobus i corpi, traendo in salvo 11 persone, alcune ferite in modo grave. Tra queste due bambini.  Le persone soccorse sono state portate  negli ospedali Cardarelli di Napoli, in quello di Nola e in quelli di Avellino.  A bordo dell’autobus turistico di una ditta privata del napoletano, viaggiatori di ritorno da una gita. Il bus stava riportando a casa un gruppo di persone che veniva da un’escursione a Telese Terme, nel beneventano, dove avevano pernottato al Grand Hotel Telese Terme. Sempre dalla questura si apprende che altri minori erano a bordo di auto coinvolte nella tragedia stradale avvenuta ieri sera nell’avellinese. Fra le ipotesi sulla dinamica dell’incidente, quella del guasto tecnico ai freni. Ma alcuni testimoni hanno affermato di aver notato scoppiare una gomma.
“È un giorno molto triste per quanto accaduto ieri notte. Non ci sono parole”. Queste le parole del premier Enrico Letta che ha aperto oggi il suo intervento in un seminario sull’Europa ad Atene. Un minuto di silenzio è stato osservato dai partecipanti in memoria delle vittime.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA