A Trapani la Polizia scopre un arsenale di Cosa nostra. Sequestrati Kalashnikov, fucili a pompa, pistole e munizioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Polizia di Stato ha rinvenuto un arsenale occultato all’interno di un casolare diroccato, nelle campagne di Paceco, nel trapanese. Gli uomini della Squadra Mobile di Trapani, insieme agli investigatori del Servizio centrale operativo e della Squadra Mobile di Palermo, hanno rinvenuto, nascoste sotto il pavimento del casolare, armi e munizioni perfettamente conservate ed efficienti.

Sono stati sequestrati quattro micidiali fucili d’assalto Kalashnikov con caricatori e munizionamento, due pistole revolver calibro 38, un fucile a pompa, un fucile calibro 12 da caccia, un fucile mitragliatore Mab 38, un fucile mitragliatore Mp 40 e numerose munizioni. Le armi era conservate all’interno di fusti in metallo e altri contenitori interrati.

Le armi rinvenute nel casolare saranno analizzate dalla Polizia Scientifica per verificare se siano state utilizzate in passato per compiere azioni di fuoco. Gli elementi investigativi raccolti nel corso delle indagini, che sono tuttora in corso, fanno ritenere agli investigatori che le armi fossero a disposizione della cosca mafiosa di Paceco.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA