Trasporti, dopo il caos Capitale Marino vuole avviare i licenziamenti. E Delrio chiede una tregua ai sindacati per Expo e Giubileo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Annuncia la linea dura il sindaco di Roma, Ignazio Marino, dopo il venerdì nero dei trasporti. “Non escludo, con l’apertura della commissione d’inchiesta, dei licenziamenti già da martedì”, ha detto il primo cittadino.  “A Milano – ha aggiunto il sindaco Marino – un macchinista della metro lavora oltre 1150 ore l’anno, a Roma solo 720 ore l’anno”. Secondo quanto è emerso, la metropolitana di sarebbe fermata ancora prima dell’orario previsto per lo sciopero, con i treni che hanno lasciato i passeggeri a metà corsa. Mentre Graziano Delrio, ministro alle Infrastrutture, propone ai sindacati una tregua in vista di Expo a Milano e Giubileo a Roma. Insomma per i turisti megllio fermare lo sciopero, per chi invece a Roma e a Milano ci vive no problem. Poi si può ricominciare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA