Trasporti eccezionali, pure Leonardo Da Vinci viaggia sull’alta velocità. In gran segreto l’autoritratto del genio del rinascimento è stato trasportato da Torino a Roma per motivi di sicurezza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ora anche le opere d’arte viaggiano in treno. Potrebbe essere uno slogan pubblicitario di Trenitalia, ma è pura realtà. L’autoritratto di Leonardo Da Vinci, capolavoro del più straordinario genio italiano, ha viaggiato nei giorni scorsi da Torino a Roma a bordo del Frecciarossa di Trenitalia. Il treno ad alta velocità, per motivi di sicurezza e rapidità logistica, è stato preferito alle altre modalità di trasporto.

L’ESPOSIZIONE
Il trasporto, in tutti i sensi “eccezionale”, è stato organizzato con estrema cautela da Fs e dal team dell’Associazione Metamorfosi, con il supporto della ditta specializzata in trasporti d’arte Montenovi. Capolavoro del Rinascimento, l’autoritratto di Leonardo da Vinci di proprietà della Biblioteca Reale di Torino, è giunto a Roma nella sede dell’ Icrcpal, Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario. Per motivi di sicurezza, la notizia è stata tenuta riservata fino a trasporto avvenuto. L’Autoritratto verrà poi esposto per la prima volta a Roma da martedì prossimo al 3 agosto, ai Musei Capitolini (Palazzo Caffarelli) in occasione della mostra “Leonardo. L’autoritratto”.

IL RESTAURO
I clienti di Trenitalia che raggiungeranno la Capitale a bordo delle Frecce e i possessori della Cartafreccia avranno diritto a una riduzione di un euro sul biglietto d’ingresso. Al termine dell’esposizione, l’Autoritratto verrà trasferito all’Istituto Centrale per il Restauro per una completa indagine sulle sue condizioni di salute.