Trattativa Stato-mafia, arriva la sentenza: Dell’Utri e Mori condannati a 12 anni, De Donno a 8, Bagarella a 28. Assolto l’ex ministro Mancino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La trattativa c’è stata. E ora non è più solo una verità storica, ma anche giudiziaria. A cinque anni dalla prima udienza e dopo 201 udienze, il giudice Alfredo Montalto ha letto una sentenza che in tanti aspettavano. Otto minuti senza quasi prendere fiato. Un elenco di nomi e di condanne per dire non solo che la trattativa tra Cosa nostra e pezzi dello Stato c’è stata, ma che ad averla fatta sono stati i boss mafiosi, tre alti ufficiali dei carabinieri e il fondatore di Forza Italia. Mentre la mafia uccideva magistrati, carabinieri, cittadini, uomini delle istituzioni hanno cercato un contatto: sono diventati il canale che ha consentito a mafia e Stato di sedersi a un tavolo. E trattare. Su due piani: prima per interrompere il periodo stragista e poi per avere rapporti diretti col governo allora guidato da Silvio Berlusconi. È stato chiaro a riguardo il pm Nino Di Matteo che, subito dopo la lettura della sentenza, ha spiegato: “La sentenza  dice che Dell’Utri ha fatto da cinghia di trasmissione tra le richieste di Cosa nostra e l’allora governo Berlusconi che si era da poco insediato. E il rapporto non si ferma al Berlusconi imprenditore ma arriva al Berlusconi politico”.

La giornata – Già, perché una delle condanne più dure ha toccato proprio il fondatore di Forza Italia, già condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa: a Marcello Dell’Utri la Corte d’Assise di Palermo ha inflitto 12 anni per attentato a corpo politico dello Stato. Stessa condanna anche per il mafioso Antonino Cinà, medico di Salvatore Riina, l’ex capo del Ros Antonio Subranni, il suo vice Mario Mori. L’ex colonnello del Ros Giuseppe De Donno, invece, è stato condannato a 8 anni. Sono stati tutti riconosciuti colpevoli del reato disciplinato dall’articolo 338 del codice di penale: quello di violenza o minaccia a un corpo politico, amministrativo o giudiziario dello Stato. Hanno cioè intimidito il governo con la promessa di altre bombe e altre stragi se non fosse cessata l’offensiva antimafia dell’esecutivo. Anzi degli esecutivi, cioè i tre governi che si sono alternati alla guida del Paese tra il giugno del 1992 e il 1994: quelli di Giuliano Amato e Carlo Azeglio Ciampi alla fine della Prima Repubblica, quello di Silvio Berlusconi, all’alba della Seconda. Assolto, invece, l’ex ministro degli Interni, Nicola Mancino, per il quale l’accusa chiedeva una condanna a sei anni di carcere per falsa testimonianza. Ad eccezione di Mancino, dunque, i giudici hanno confermato le richieste arrivate dai pm Vittorio Teresi, Nino Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene. E, anzi, le hanno inasprite nel caso dell’ex boss mafioso Leoluca Bagarella: a fronte dei 16 chiesti dall’accusa, la Corte ha inflitto una condanna di 28 anni.  Massimo Ciancimino, figlio di Vito, dovrà infine scontarne 8 anni in carcere (5 gli anni chiesti dall’accusa) per calunnia ai danni di Giovanni De Gennaro.

I giudici hanno inoltre condannato Bagarella, Cinà, Dell’Utri, Mori, Subranni e De Donno al pagamento in solido tra loro di dieci milioni di euro alla presidenza del Consiglio dei ministri che si era costituita parte civile. Al termine della sentenza, i pm sono stati accolti da applausi e abbracci. “Questo processo e questa sentenza sono dedicati a Paolo Borsellino, a Giovanni Falcone e a tutte le vittime innocenti della mafia”, è il commento di Teresi, che ha coordinato il pool per tutta la durata del processo. Critiche, invece, le posizioni dei legali difensori: “Aspettiamo di leggere le motivazioni però è chiaro che 12 anni di condanna la dicono lunga sulla decisione della corte”, ha detto il legale di Mario Mori.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA