Tre anni senza Pino Daniele. La figlia Sara si confessa: “Dopo la morte di mio padre, ho cominciato a bere”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tre anni esatti senza Pino Daniele. Era il 4 gennaio 2015 quando si è spento uno dei più grandi cantautori che l’Italia ricordi. Un vuoto incolmabile nei cuori dei suoi fan ma soprattutto dei familiari, a partire dalla figlia Sara, che in un’intervista a Oggi parla del dolore provato e della pericolosa strada su cui si stava incamminando: “Dopo la morte di mio padre, nei mesi successivi, quando il rumore intorno a noi si era spento e l’attenzione scemata, quando la gente pensava che ormai il brutto fosse passato, è successo che io mi sono persa. Ma per davvero. Passavo la mia giornata in tuta e alle 11 del mattino avevo già il bicchiere di vino in mano. Odiavo tutto e tutti. Per prima me stessa”.

Sono queste le parole della 21enne, nota alle cronache rosa anche per essere grande amica di Aurora Ramazzotti, che continua: “Ero smarrita. Fragile. Irriconoscibile. Piena di rancore che riversavo su me stessa… Un giorno ho capito che dovevo cambiare qualcosa, io e basta, e ho telefonato all’università inglese che mi aveva accettato l’anno precedente e ho chiesto di rientrare la sessione successiva… So benissimo di essere scappata. La mia famiglia ha elaborato il lutto, io l’ho solo accantonato”.

Inevitabile per Sara, nata come i fratelli Sofia e Francesco dall’amore tra Pino Daniele e Fabiola Sciabbarrasi, chiedersi cosa penserebbe oggi di lei il padre: “Così per me è come se mio padre fosse in tour… Ho fatto tante cose in questi tre anni, tante scelte, tante sfide, è normale che io mi chieda cosa mio padre ne avrebbe pensato. Sarebbe fiero di me oggi? Ho la fortuna di sentire ancora la sua voce, ma non è l’artista che mi manca, ma il padre”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA