Treviso, ancora orrore tra le mura domestiche. Nuova tragedia familiare: un pensionato ammazza la moglie

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un’altra tragedia familiare. Un altro dramma. Un pensionato, Sisto De Martin, ha ammazzato la moglie Teresa Reposon in bagno, fracassandole la testa e ha sgozzato con un coltello il figlio Cristian, operaio. Poi si è impiccato in mansarda. Si tratta di un 62enne, che ha sterminato l’intera famiglia uccidendo la moglie, di origini filippine, ma in Italia da molti anni e il figlio di 24 anni, che è stato trovato sgozzato nel letto, con il coltello ancora nel fianco.

L’IPOTESI
Dopo il duplice omicidio, secondo l’ipotesi dei Carabinieri, il padre è salito in mansarda e si è impiccato. La tragedia in via Vittoria a Refrontolo, rione Serravalle, è stata scoperta nel primo pomeriggio di ieri. È stato il datore di lavoro del ragazzo ucciso, allarmato per il mancato arrivo in azienda del giovane martedì mattina, ad andare a controllare. La morte potrebbe risalire a domenica. Nella casa della tragedia è arrivato anche il parroco di Pieve di Soligo, don Giuseppe Nadal, lo stesso che celebrò il funerale delle vittime della tragedia del Molinetto della Croda, lo scorso agosto, e che ora amministra la parrocchia di Refrontolo, rimasta sguarnita di sacerdoti dopo il pensionamento dell’ultimo parroco.

GLI ABUSI
Insomma, ieri è successo l’ennesimo orrore tra le mura domestiche. E un altro figlio è stato ucciso dallo stesso genitore. Di precedenti ce ne sono tanti. E i dati parlano da sè. In Italia, negli ultimi dieci anni, sono 243 i bambini uccisi. E, spesso, trafitti dagli stessi genitori.