Tu quoque, Salvini, fili mi. Bossi all’attacco del segretario della Lega Nord: “così non ci salviamo. La Lega Nazionale una roba da coglioni”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Umberto Bossi ci va giù pesante conto il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, dopo i fatti di Napoli e il tentativo di Salvini di crearsi un elettorato anche al Sud. Nell’intervista che Bossi ha rilasciato al Corriere, le parole utilizzate sono molto forti: “Sono io che tengo alta la bandiera. Se andiamo avanti così – dice il senatùr – la Lega non si salverà”. E poi la bocciatura definitiva dell’impresa di Salvini: “La Lega nazionale? Una roba da coglioni”.

Ma Bossi si sofferma a lungo anche sulla “discesa” a Napoli: “Cosa vai” a Napoli “a fare – insiste Bossi, rivolto a Salvini – A portare soldi? A promettere una nuova cassa per il mezzogiorno?. Di voti non ne prenderà. Al Sud la gente non dice: ‘guarda com’è cambiata la Lega’. Dirà: “guarda che casino quando viene la Lega, meglio che se ne resti lassù’. Ma non credo che Salvini vada a Napoli per i voti. Va per l’investitura. Gli han detto che non può candidarsi a premier con un partito territoriale. Così può dire che la Lega è un partito nazionale”.

Secondo Bossi la Lega oggi, anche se con tanti voti, è “malridotta. È nata per la libertà del Nord. Non diventerà un’altra cosa raccattando i voti di quattro fascistoni. Che tra l’altro sono voti che nessuno vuole e con cui non fai niente”. Bocciato anche lo slogan “no euro”: “Se venisse giù l’euro verrebbe giù tutto, una situazione che nessuno saprebbe gestire”. Insomma, una bocciatura su tutta la linea. Una cosa, dunque, è certa: Salvini non ha più l’appoggio del fondatore della Lega Nord, Umberto Bossi.