Tutti hanno diritto di parola, almeno secondo Pericle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

pericleIn linea teorica, all’assemblea popolare tutti hanno diritto di parola. Chiunque può intervenire rispondendo alla domanda del banditore “chi vuole parlare?”. Secondo Pericle si è oggetto di considerazione in base al merito, nè la povertà o l’essere uno sconosciuto costituiscono un impedimento, se uno ha da dare un apporto positivo alla città. (Tucidide, II, 37). Belle parole ma come dimostra la storia, una persona umile non si permette di parlare all’assemblea cittadina: l’esatto contrario della demagogia periclea. La realtà quindi è molto diversa come dimostra la commedia di Aristofane: la politica si tiene stretta i vincoli e i limiti inerenti al funzionamento della macchina (o della casta), non può calpestare quelle clausole di sicurezza con cui il sistema difende se stessa. E’ vero, ad Atene tutti i cittadini partecipavano alla vita pubblica ma erano solo ventimila gli aventi diritto, poiché i restanti trecentomila abitanti erano schiavi. Quella a cui ci si riferisce è la democrazia degli aristocratici in cui tutti i nobili, i ricchi, i detentori di capitali esercitavano il medesimo diritto a partecipare al governo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA