L’Ue acquisterà altri 300 milioni di dosi da Moderna e 200 milioni da Pfizer. Von der Leyen: “Garantiremo a tutti gli europei l’accesso a vaccini sicuri”

Ursula von der Leyen
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Ue acquisterà altri 150 milioni di dosi del vaccino di Moderna per il 2021 e ne ha opzionati ulteriori 150 milioni per il 2022. Si aggiungono ai 160 milioni di dosi già acquistate nel 2020 e distribuite ai Paesi dell’Unione. Ulteriori 200 milioni di dosi saranno fornite ai 27 Stati membri dell’Unione anche da Pfizer.

“Oggi ci siamo assicurati altri 300 milioni di dosi del vaccino anti Covid-19 prodotto da Moderna – ha annunciato la presidente Ursula von der Leyen (nella foto) confermando la firma del secondo contratto con la multinazionale americana -, che è già utilizzato nell’Unione europea. Ci avviciniamo così al nostro obiettivo principale: garantire a tutti gli europei l’accesso a vaccini sicuri ed efficaci nel minor tempo possibile. Con un portafoglio che può arrivare fino a 2,6 miliardi di dosi potremo rendere i vaccini disponibili non solo ai nostri cittadini, ma anche ai vicini e ai partner dell’Ue”.

E anche Pfizer e BioNTech hanno annunciato oggi un firma di nuovo accordo con la Commissione Ue per la fornitura di ulteriori 200 milioni di dosi del vaccino ai 27 Stati membri dell’Unione. La Commissione potrà, inoltre, richiedere ulteriori 100 milioni di dosi. Il nuovo accordo si aggiunge ai 300 milioni di dosi già impegnate nell’Ue fino al 2021 nell’ambito del primo accordo firmato nel 2020. Le ulteriori 200 milioni di dosi saranno consegnate nel 2021, con una stima di 75 milioni da fornire nel secondo trimestre. Pfizer, entro la fine del 2021, consegnerà complessivamente 500 milioni di dosi.