L’Ue sfiora il ridicolo. Prima snobba le Ong e adesso esulta. Il commissario Avramopoulos grida alla vittoria senza aver mosso un dito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ci sono voluti 19 giorni per trovare una soluzione ai 49 migranti abbandonati in mare dall’Europa. Durante questo periodo le Ong e le associazioni umanitarie hanno richiesto più volte l’intervento di Bruxelles, senza che nessuno muovesse un dito o facesse dichiarazioni che lasciassero presagire una soluzione immediata. Ciononostante, il Commissario Ue per le Migrazioni Dimitris Avramopoulos (nella foto) ha gridato ieri alla vittoria, utilizzando toni trionfalistici per i risultati raggiunti: “Sono felice che i nostri sforzi per far sbarcare i migranti a Malta abbiano portato risultati e che tutti coloro che sono a bordo vengono sbarcati adesso. Elogio Malta per avere consentito questo sbarco e gli Stati membri che hanno mostrato solidarietà attiva accettando i migranti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA