Ultima spiaggia per non tornare alle elezioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

direttorepedGiovedì era il candidato premier, poi non è apparso neppure alla “balconata” del  Quirinale per spiegare il suo in fin dei conti coerente no, no, no al governissimo. Lasciata la scena a Enrico Letta, Pier Luigi Bersani ha portato il suo partito da vincitore (seppur al fotofinish) delle elezioni a prigioniero sull’Aventino. Il segretario del Pd ha fatto i suoi conti: le elezioni sono inevitabili e  piuttosto che tirare a campare qualche  mese  in  coalizione  con l’impresentabile   (e   ineleggibile, inaffidabile,  ecc.  ecc.)  Berlusconi, meglio mandare subito tutto a monte. Dire sì al Cavaliere sarebbe  un  suicidio  elettorale.  Tanto quanto  farsi  da  parte  e  lasciare strada al rottamatore Renzi. Per la premiata ditta D’Alema, Veltroni & c. adesso sì che è finita un’epoca.  A  Grillo  il  merito  di  aver dato il colpo mortale a un sistema che era sopravvissuto a tutto, dalla caduta del Muro di Berlino a  Tangentopoli.  E  merito  anche a  Berlusconi, che arrivando a offrire il suo appoggio al segretario Pd ha aperto una resa dei conti di cui presto sentirete molto parlare. La strada per il governo adesso si fa  più impervia e in salita. Giorgio Napolitano ha deciso di passare un’altra notte insonne, ma lo spazio per costruire un esecutivo non c’è. La mossa finale sarà l’incarico a un solerte servitore dello Stato, un uomo della provvidenza della solita Banca d’Italia come il direttore generale Fabrizio Saccomanni o un prefetto benvoluto da tutti, come il ministro Cancellieri (anche se la vicenda Aldovrandi l’ha  azzoppata),  piuttosto  che  il presidente della Corte Costituzionale Franco Gallo o il presidente del Senato Pietro Grasso. Comunque vada, saranno pannicelli caldi. Chiaro che Napolitano a questo punto pensi anche di gettare la spugna, dimettersi e accelerare il ritorno alle urne. In fin dei conti si è dimesso pure il Papa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA