Ultima spiaggia per non tornare alle elezioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

direttorepedGiovedì era il candidato premier, poi non è apparso neppure alla “balconata” del  Quirinale per spiegare il suo in fin dei conti coerente no, no, no al governissimo. Lasciata la scena a Enrico Letta, Pier Luigi Bersani ha portato il suo partito da vincitore (seppur al fotofinish) delle elezioni a prigioniero sull’Aventino. Il segretario del Pd ha fatto i suoi conti: le elezioni sono inevitabili e  piuttosto che tirare a campare qualche  mese  in  coalizione  con l’impresentabile   (e   ineleggibile, inaffidabile,  ecc.  ecc.)  Berlusconi, meglio mandare subito tutto a monte. Dire sì al Cavaliere sarebbe  un  suicidio  elettorale.  Tanto quanto  farsi  da  parte  e  lasciare strada al rottamatore Renzi. Per la premiata ditta D’Alema, Veltroni & c. adesso sì che è finita un’epoca.  A  Grillo  il  merito  di  aver dato il colpo mortale a un sistema che era sopravvissuto a tutto, dalla caduta del Muro di Berlino a  Tangentopoli.  E  merito  anche a  Berlusconi, che arrivando a offrire il suo appoggio al segretario Pd ha aperto una resa dei conti di cui presto sentirete molto parlare. La strada per il governo adesso si fa  più impervia e in salita. Giorgio Napolitano ha deciso di passare un’altra notte insonne, ma lo spazio per costruire un esecutivo non c’è. La mossa finale sarà l’incarico a un solerte servitore dello Stato, un uomo della provvidenza della solita Banca d’Italia come il direttore generale Fabrizio Saccomanni o un prefetto benvoluto da tutti, come il ministro Cancellieri (anche se la vicenda Aldovrandi l’ha  azzoppata),  piuttosto  che  il presidente della Corte Costituzionale Franco Gallo o il presidente del Senato Pietro Grasso. Comunque vada, saranno pannicelli caldi. Chiaro che Napolitano a questo punto pensi anche di gettare la spugna, dimettersi e accelerare il ritorno alle urne. In fin dei conti si è dimesso pure il Papa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gli inganni di Salvini e Renzi

Persa ogni vergogna, i Mattei sono arrivati al punto di venderci la loro cacca per cioccolata, spacciando con inarrivabile faccia tosta le rispettive disavventure giudiziarie per medaglie. Renzi la settimana scorsa ha fatto un discorso “altissimo” in Senato contro le distorsioni della magistratura politicizzata, dimenticandosi

Continua »
TV E MEDIA