L’ultimatum di Fioramonti. Subito più soldi alla scuola o si dimetterà. “Servono risorse perché dobbiamo dare un forte segnale di discontinuità rispetto al passato”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lo aveva già detto in tempi non sospetti e ora torna a ribadirlo, anche se tra le righe: se non ci dovessero essere più fondi per l’istruzione, il titolare del Miur, Lorenzo Fioramonti (nella foto) potrebbe dimettersi. “La scuola – ha detto ieri a margine dell’inaugurazione della settimana della Protezione civile – è il fondamento della nostra comunità e quindi servono delle risorse perché dobbiamo dare un forte segnale di discontinuità rispetto al passato. Io continuo a sostenere questa tesi e sono una persona di parola: se non riuscirò a trovare queste risorse ne trarrò le dovute conseguenze”. Parole che lasciano presagire che, nel caso in cui la sua volontà non dovesse trovare riscontro concreto, il ministro sarebbe disposto a fare un passo di lato. Esattamente come già detto un mese fa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA