Un super esperto di antiterrorismo alla guida della Polizia. Palazzo Chigi nomina Lamberto Giannini. Prenderà il posto di Gabrielli

LAMBERTO GIANNINI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una nomina nel solco della continuità, ma anche dal profilo altissimo. Da oggi pomeriggio il prefetto Lamberto Giannini è il nuovo capo della Polizia di Stato, scelto dal Consiglio dei ministri su indicazione del Viminale dopo le dimissioni e la nomina a sottosegretario con delega all’intelligence di Franco Gabrielli (leggi l’articolo).

Giannini, 57 anni, è considerato in Italia uno dei massimi esperti di antiterrorismo. E’ in Polizia dal 1989, dopo una laurea in Giurisprudenza e da venticinque anni è in prima linea nel contrasto all’eversione e al terrorismo interno e internazionale. Tra le più importanti indagini che ha condotto, si annoverano gli arresti dei terroristi delle nuove Brigate Rosse, responsabili degli omicidi di Massimo D’Antona e Marco Biagi, ma anche l’arresto, nel 2005, a Roma, di Osman Hussain, uno dei foreign fighters che aveva tentato di farsi esplodere nella metropolitana di Londra.

Dopo 12 anni alla guida della Digos di Roma, nel 2013 è stato nominato direttore del Servizio centrale antiterrorismo. Nel marzo 2017 Giannini è stato promosso Dirigente generale della Polizia di Stato e ha assunto la direzione della Polizia di prevenzione e del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (CASA). A dicembre l’ultima nomina a capo della segreteria del Dipartimento della pubblica sicurezza.

“Mi congratulo con il prefetto Lamberto Giannini che da oggi è il nuovo capo della Polizia – direttore generale della Pubblica sicurezza” ha detto la ministra Luciana Lamorgese, sottolineando che la sua nomina a capo della Polizia è stata decisa “in virtù di un curriculum di eccellenza e di un apprezzamento sulle qualità personali e professionali condiviso a tutti i livelli istituzionali, che la rendono ancor di più solida garanzia per cittadini e forze di polizia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA