Una Cassa Depositi a tutta consulenza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Stefano Sansonetti

Un un mondo caleidoscopico come quello della Cassa Depositi e Prestiti, controllata all’80% dal ministero dell’economia, assegnare consulenze a destra e a manca è praticamente la norma. Ed è anche comprensibile, viste le dimensioni della società e le partecipazioni detenute, tra le altre cose, in Eni, Terna, Snam, Fintecna, Sace, Simest. Certo è che la Cassa, presieduta da Franco Bassanini e guidata dall’a.d. Giovanni Gorno Tempini, negli ultimi mesi ha firmato un bel po’ di contratti di consulenza. Tra i tanti, spuntano due accordi di metà ottobre con Sia, società che fornisce servizi e infrastrutture informatiche per le banche. Un primo contratto, del valore di 692 mila euro, è stato perfezionato per un “progetto di migrazione Sepa Direct Debt”, in pratica il servizio elettronico di incassi tramite addebito”. Il secondo, del valore di 336 mila euro, riguarda “attività progettuali in ambito di segnalazione di vigilanza – Banca d’Italia”. Entrambi i servizi sono stati assegnati alla Sia senza indizione di una gara, con la motivazione che potevano “essere forniti unicamente da un determinato offerente per ragioni tecniche”. Ma la Sia, in particolare, è la società di cui nei giorni scorsi la Cdp ha deciso di acquistare il pacchetto di maggioranza per il tramite del Fondo strategico. Un’operazione del valore complessivo di circa 700 milioni di euro, che il veicolo controllato dalla Cassa, con gli altri acquirenti come il fondo F2i di Vito Gamberale, verseranno ai principali azionisti di Sia, ovvero Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps e Bnl. Per alcuni un autentico regalo alle banche. Ma la Cdp, nelle scorse settimane, ha anche sborsato 115 mila euro alla società Trilog per un “sistema software a supporto della gestione del portafoglio partecipativo”. Cifre a cui si aggiungono 67.500 euro pagati allo studio legale Dla Piper, e due assegni, per complessivi 350 mila euro, staccati per un accordo quadro con il notaio Paolo Castellini. Segno evidente di una gran necessità di servizi notarili a via Goito.