Una vita da…regista. Ligabue torna a girare un film. Dopo 19 anni da “Radiofreccia”, arriva “Made in Italy”. Protagonista ancora Stefano Accorsi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si aspettava solo l’ufficialità e, finalmente, è arrivata. Inizieranno il 12 giugno le riprese del nuovo film di Luciano Ligabue dal titolo Made in Italy. Insomma, il cantante torna alla regia dopo Radiofreccia del 1998 e lo fa sempre con protagonista Stefano Accorsi. Insomma, squadra che vince non si cambia. Il film prodotto dalla Fandango verrà girato per sei settimane in Emilia e una settimana a Roma.

L’attesa ovviamente crescerà con il passare del tempo. Anche perché la coppia Ligabue-Accorsi ci ha abituato a grandi prodotti. Radiofreccia, d’altronde, vinse ben tre David di Donatello, due Nastri d’argento e quattro Ciak d’oro.

 

Così com’è risaputo che il rapporto tra Accorsi (fresco vincitore del David di Donatello con Veloce come il vento) e Ligabue non si è mai interrotto, ma i più attenti avranno notato che, da diversi mesi, gli incontri tra i due (ufficiali ed ufficiosi) sono aumentati rispetto agli anni precedenti.

Made in Italy, a quanto raccontano i siti specialisti, racconta di Riko, un cinquantenne che ha scelto una vita preimpostata, seguendo i dettami della società: si è sposato giovane con Sara ed ha scelto il lavoro in fabbrica che era stato di suo padre. Ma arrivato a cinquant’anni ha iniziato a dover fare i conti con se stesso e con ciò che ha combinato fino a quel momento: un matrimonio difficile fatto di silenzi, complicato dalla difficoltà di arrivare a fine mese e con un lavoro che, a causa della crisi, è tutto tranne che sicuro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA