Ricerca truffata a Salerno. I soldi per l’ateneo finivano agli enti privati. Otto docenti nel mirino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Finanziamenti pubblici destinati alla ricerca ma finiti nelle tasche di quelli che, per la Procura di Salerno, sarebbero i componenti di una vera e propria associazione a delinquere. Loro – otto tra docenti universitari, professionisti e tecnici – avrebbero incassato in cinque anni circa un milione e mezzo di euro e ora hanno chiesto di essere processarti con il rito abbreviato. Attorno al Dipartimento di ingegneria ruotava un nucleo di società di ricerca e consorzi che sarebbe riuscito a truffare lo Stato, l’Unione europea e la Regione Campania. Secondo l’accusa, sarebbero stati presentati a Ministero, Regione e Ue rendiconti di spesa manipolati, in cui si elencavano costi per l’impiego di personale “che in realtà in quel progetto non avevano mai operato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA