Perché vaccinare i bambini contro il Covid? Rasi: “Nei reparti aumentano le forme severe della malattia. La parola adesso va ai pediatri”

bambini Rasi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Di Omicron bisogna smettere di parlare finché non sappiamo come si comporta, i numeri si stanno raccogliendo, in un paio di settimane avremo la prima risposta. Cosa temiamo? Tutti temiamo una malattia più severa della variante Delta”. È quanto ha detto a Mezz’ora in più a l’ex direttore dell’agenzia europea dei medicinali e oggi consulente del commissario per l’emergenza Covid-19, Guido Rasi.

“La seconda domanda – ha aggiunto – è se buca i vaccini, non abbiamo la risposta. Abbiamo solo congetture, tutte vere o tutte false. Quando avremo queste due risposte si dirà chi è Omicron, cosa farà e come gestirla”. E sul vaccino ai bambini: “Ci aspettiamo un avvio cauto perché chi poteva stare zitto non lo ha fatto, c’è chi ha commentato senza dati o senza avere esperienza giusta per definire il rapporto beneficio/rischio”.

“Quattro milioni di bambini vaccinati in America – ha aggiunto Rasi -, più di quella che dovrebbe essere vaccinata da noi, non c’è stato nessuna reazione avversa, ma lo sapevamo che ci sono molti meno effetti collaterali rispetto agli adolescenti perché i bambini hanno una maggiore risposta immunitaria. La parola adesso va ai pediatri. Nei reparti crescono le forme severe di Covid nei bambini e può durare con il long Covid, ecco di questo sappiamo poco. Il virus è sperimentale, non il vaccino”.

Leggi anche: Vaccini per i bambini dal 16 dicembre. In arrivo negli hub 1,5 milioni di dosi Pfizer pediatriche. Figliuolo: “Prima tranche che sarà poi integrata a gennaio”.