Variante Omicron, l’Italia non è stata informata preventivamente. Speranza: “È arrivata nelle ultime ore e abbiamo preso subito provvedimenti. Dobbiamo scoprire se finirà per sopravanzare la Delta”

Omicron Speranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Se ne parlavamo già tra noi di questa variante? No, non c’erano informazioni, è arrivata nelle ultime ore e abbiamo preso subito dei provvedimenti. Non sono stupito dalle dichiarazioni di Angela Merkel perché ha dati molto significativi”. È quanto ha detto a Mezz’ora in più il ministro della Salute, Roberto Speranza, smentendo che l’Italia sia stata informa della scoperta della variante Omicron (leggi l’articolo).

“Stiamo attraversando una situazione non semplice in Europa. C’è una proporzionalità molto significativa – ha aggiunto Speranza – tra quante persone sono vaccinate e quante misure vanno messe in campo. La lezione di questi gironi ci dice che insieme ai vaccini dobbiamo conservare strumenti di attenzione e prudenza come le mascherine. Anche in Gran Bretagna hanno deciso di rimetterle. Da una parte vaccini, dall’altra mascherine, lavaggio delle mani, precauzioni, evitare assembramenti”.

“Quello che stiamo facendo – ha detto ancora il ministro – è comprare tempo. L’effetto è quello di rallentare la variante in modo che i nostri scienziati possano studiarla. Dobbiamo scoprire se Omicron è davvero più veloce e se finirà per sopravanzare la Delta e bisogna capire se Omicron indebolisce la protezione data dai vaccini. La nostra opinione, finora, è che i vaccini dovrebbero comunque reggere, ma per avere certezze occorre ancora un po’ di tempo”.

Leggi anche: Il 40enne contagiato dalla variante Omicron era rientrato dal Mozambico. È passato per Roma, Caserta e Milano. Speranza: “È un’ulteriore sfida per tutti i Paesi. Dobbiamo tenere il massimo livello di attenzione e di cautela”.