Venerdì nero per i trasporti. Si fermano metro, bus, treni e aerei. Dura protesta contro la deregolamentazione del settore. Nel mirino Uber e le auto a noleggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sciopero del trasporto pubblico a Roma, con metro chiuse e bus a rischio dalle 8.30 alle 12.30. Lo sciopero pubblico è stato indetto per tutta la giornata di oggi dai sindacati Cub, Si-Cobas, Usi-Ait e Sbmè. L’astensione dal lavoro riguarda diverse città italiane. A Roma, però, il Prefetto ha limitato lo sciopero della mobilità alle quattro ore mattutine per evitare gravi ripercussioni. La protesta indetta dai sindacati per l’intera giornata è “contro la guerra e la politica economica e sociale del governo”.  I conducenti delle auto bianche hanno deciso di sospendere temporaneamente il loro stop proclamato per protestare contro la deregolamentazione del settore, con Uber e le auto a noleggio con conducente. A fermarsi non saranno solo bus e metro, ma anche treni e aerei. Per quanto riguarda i treni lo sciopero del personale ferroviario indetto da Cub Trasporti e Sgb è scattato dalle 21 di ieri fino alle 21 di oggi. Garantite le Frecce, ma non tutti i regionali e gli Intercity.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA