Vertice Bce a Napoli: città blindata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Dure proteste in corso a Napoli dove è partito il corteo dei movimenti antagonisti Block Bce diretto verso la Reggia di Capodimonte dove si sta svolgendo il vertice della Banca Centrale Europea. Il corteo è preceduto da un furgone con degli altoparlanti dal quale lo speaker spiega motivi della protesta e sul quale è stata sistemata una lunga scala. Eloquente lo striscione a terra con la scritta “precarietà povertà disoccupazione speculazione. Liberiamoci della Bce”.

La manifestazione, a quanto si apprende, ha raccolto diverse migliaia di persone. Tantissime le persone affacciate ai balconi che seguono il passaggio dei manifestanti. Alcuni negozi, per precauzione, hanno le saracinesche abbassate. In piazza sono scesi studenti, disoccupati ma anche mamme e semplici cittadini che – spiegano – non riescono ad arrivare a fine mese. Tanti anche i cartelli esposti. Su alcuni si legge “Più case per tutti ma i banchieri nelle cantine”, “Block Bce perché la spesa dei governi la decidiamo noi”. “No Bce, no austerità, case e reddito per tutti”. Anche maschere di Pulcinella in apertura del corteo. Un gruppo di attivisti le ha indossate in apertura del corto.

Spazio anche per la protesta ucraina: un gruppo di donne infatti espone la bandiera rovesciata del loro Paese macchiata di sangue. “Siamo qui per esprimere la nostra solidarietà a chi lotta contro le banche mondiali – spiega Olena, da 14 anni a Napoli – le banche mondiali sostengono la guerra. La gente deve capire che in Ucraina è ormai tutto rovesciato, come la bandiera che esponiamo noi oggi”. Tra gli slogan esposti anche ‘America hands off of Ucraina’ e foto che ricordano la strage di Odessa.

Intanto la riunione a Napoli del Consiglio direttivo della Bce è cominciata, presieduta dal presidente Mario Draghi. Attesa una decisione sui tassi relativi al mese di ottobre.