Via alla “Leopolda” del Movimento 5 Stelle. Ecco tutto il programma del grande evento organizzato a Ivrea da Davide Casaleggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È partito l’evento rivoluzionario del Movimento 5 Stelle, una Leopolda pentastellata (anche se gli attivisti, com’è immaginabile, odiano questo appellativo). Eppure parliamo di questo: a Ivrea è partita la kermesse organizzata da Davide Casaleggio con gli esperti sul palco e Beppe Grillo e i parlamentari in platea, a un anno dopo la scomparsa del padre, Gianroberto Casaleggio. La regia, in effetti, è tutta la sua: del figlio del cofondatore del Movimento 5 Stelle.

Il convegno dal titolo Sum #01 “Capire il Futuro” è dedicato al tema che, dicono, più stava a cuore a Casaleggio. Sono dieci ore di interventi, con moderatori e presenze esterne e soprattutto non per forza affini al Movimento 5 stelle. Con un solo obiettivo: dare un segnale di apertura, farsi vedere credibili e adulti e soprattutto pronti a lavorare per governare il Paese.

Già il luogo scelto per gli incontri non è banale.  L’evento si terrà nell’Officina H, auditorium ricavato nel cortile delle Officine Olivetti costruite negli anni ’30 e dove Casaleggio iniziò a lavorare negli anni ’70. Ma soprattutto Adriano Olivetti è l’autore indimenticato di diversi pamphlet sulla democrazia partecipata, a cominciare da Democrazia senza partiti.

Il programma della giornata, diffuso nelle ultime ore, prevede l’inizio dei lavori alle ore 10 con la proiezione di un video. Poi alle 10.30 i saluti e l’introduzione di Davide Casaleggio. Il primo ospite, e anche tra i più attesi, è Fabio Vaccarono, ceo di Google Italia. A seguire parleranno delle evoluzioni tecnologiche e del loro impatto sul mondo di economia digitale e lavoro, il vicedirettore dell’Istituto italiano di tecnologia Giorgio Metta e il tecnologo Massimo Chiriatti. Modera il giornalista e scrittore Luca De Biase. Per occuparsi di sanità interviene alle 11 Nicola Bedin, managing director dell’ospedale San Raffaele di Milano.

Ovviamente previsto ampio spazio anche per l’informazione. Il primo ospite è Enrico Mentana, direttore del Tg La7 e lui, intervistato dal collega Gianluigi Nuzzi, affronterà la delicata questione del legame tra tv e internet. Nel pomeriggio sarà la volta dell’intervento di Pier Luca Santoro, esperto di informazione online e autore di un libro pubblicato da Informant nel 2013 sul futuro della carta stampata. Alle 16.30 si confronteranno infine il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio, il giornalista e conduttore de La Gabbia Gianluigi Paragone e l’autore e membro del cda Rai Carlo Freccero.

Per quanto riguarda il rapporto tra futuro e potere, alle 13 parlerà il procuratore Sebastiano Ardita in un dibattito dal titolo “libera magistratura nell’Italia postpolitica”. Sul tema scienza si esprimeranno l’astronauta Paolo Nespoli e lo scienziato ed esploratore Francesco Sauro. Modera il giornalista Franco Bechis.

Altri tavoli saranno dedicati ad ambiente, sociologia (con Domenico De Masi e il CEO di Danieli Telerobot David Corsini) ed evoluzioni scientifiche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA