Via libera al Super Green Pass. Palazzo Chigi approva il nuovo decreto anti-Covid. Limitazioni per i non vaccinati. Draghi: “La situazione è sotto controllo. Vogliamo prevenire per preservare”

Green Pass Draghi Speranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto legge – qui il testo – che rafforza le misure anti-Covid con il Super Green Pass. Il provvedimento è stato varato all’unanimità. Per i non vaccinati, aveva preannunciato il governatore toscano Eugenio Giani, ci saranno “delle limitazioni”. Il Green Pass, per come lo conosciamo, sarà solo per i vaccinati, i non vaccinati per scelta saranno liberi di circolare per i servizi essenziali, ma nei luoghi che ospitano spettacoli, come i cinema, ma anche per le attività sportive e sociali, “servirà la vaccinazione per accedere”.

Il nuovo decreto sarà valido dal 6 dicembre al 15 gennaio, ma le misure potranno essere prorogate. Il Green Pass “base” sarà obbligatorio anche per alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale. Arriva l’obbligo di Green Pass o tampone anche per accedere ai mezzi del trasporto pubblico locale. L’accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche sarà consentito in zona bianca e gialla solo ai possessori di “Green Pass rafforzato”.

Norme che non sono cambiate: la mascherina resta non obbligatoria all’aperto in zona bianca e obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Sempre obbligatorio in tutte le zone portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti; restano invariate le tipologie e la durata dei tamponi.

“Ci sono 4 ambiti di intervento – ha spiegato il ministro della Salute, Roberto Speranza – su cui si concentrano gli articoli del decreto. Un primo riguarda l’obbligo. Prima riguardava solo il personale sanitario e i lavoratori nell’Rsa; noi estendiamo questo obbligo ad ulteriori categorie. Personale non sanitario nei presidi ospedalieri, alle forze dell’ordine e militari, e a tutto il personale scolastico. E l’estensione riguarderà anche la terza dose”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza in conferenza stampa al termine del Cdm.

“Nel Consiglio dei ministri – ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa (qui il video) – abbiamo preso importanti provvedimenti per il controllo della pandemia. La situazione italiana è oggi sotto controllo, siamo probabilmente in una delle situazioni migliori in Europa grazie sostanzialmente alla campagna vaccinale, che è stata un successo notevole e ringrazio gli italiani che hanno aderito con partecipazione e stanno aderendo”.

“Abbiamo tenuto presente quello che dicono i governatori delle Regioni – ha aggiunto il presidente del Consiglio -, con cui c’è stata interlocuzione molto proficua. Quello che dicono questi provvedimenti è che vogliamo prevenire per preservare, conservare. Vogliamo essere molto prudenti per evitare i rischi e riuscire a conservare quello che gli italiani sono riusciti a conquistarsi nel corso di quest’anno”.

“I nostri ricordi vanno immediatamente agli oltre 130.000 morti – ha detto ancora Draghi -, alla caduta economica dell’8-9% che non ha eguali nell’Ue, vanno ai negozi, ristoranti, bar chiusi, ai ragazzi che hanno fatto un anno di scuola in assenza, in Dad e non sono stati beni. Soprattutto i ricordi della povertà, di come è cresciuta in quest’anno”.

“Gli italiani hanno reagito, l’attività economica cresce più del 6%. Abbiamo ricominciato a essere normali. E’ questo lo spirito dei provvedimenti: conservare questa normalità, non vogliamo rischi; è guardando al desiderio di voler continuare a essere aperti, andare in giro, a divertirsi, ad acquistare, a combattere la povertà, ad avere i ragazzi a scuola. Questa è la prospettiva che giustifica questi provvedimenti”, ha aggiunto il presidente del Consiglio.