Via libera del Cts alla terza dose del vaccino anti-Covid per gli over 80. Per tutti gli altri gli esperti affermano che “dipenderà dalla curva epidemica nel Paese e dalla circolazione globale del virus”

Giorgio Palù cts emergenza finita
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Via libera del Cts alla terza dose del vaccino anti-Covid per gli over 80 e gli ospiti delle Residenze sanitarie assistite. Il Comitato tecnico scientifico ha data parere favorevole alla somministrazione del richiamo anche per gli operatori sanitari più a rischio.
Sono 4.562.910 (secondo l’ultimo report del Governo qui link https://www.governo.it/it/cscovid19/report-vaccini/) gli ultra ottantenni in Italia: di questi 4.223.086 sono già totalmente vaccinati, e perciò potranno avere la terza dose, mentre 243.117 sono gli over 80 non vaccinati. Gli over 80 (compresi quelli residenti nella Rsa) si aggiungeranno a quanto al momento possono già chiedere la terza dose: si tratta di circa tre milioni tra immunocompromessi, trapiantati e malati oncologici con determinate specificità.

TERZA DOSE PER TUTTI

La terza dose a tutta la popolazione italiana? “Dipenderà dall’andamento della curva epidemica nel Paese, dalla circolazione globale del virus e dalla durata dell’immunità sia naturale sia artificialmente acquisita con la vaccinazione nei vari strati di popolazione” ha spiegato al Corriere il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e esponente del Cts, Giorgio Palù.
“Gli studi sul campo stanno dimostrando che, dopo circa sei mesi, si assiste a un certo calo della risposta anticorpale e alla possibilita’ di infettarsi; ricordo però che gli attuali vaccini, allestiti contro un virus in circolazione ormai da due anni, sono ancora efficacissimi nel proteggerci dal Covid grave e dall’evento letale”.
La maggior parte dei vaccini obbligatori e raccomandati, spiega Palù: “Sono somministrati in tre dosi: la prima nei primi mesi o anni di vita, la seconda dopo un mese dalla prima dose e la terza a distanza di sei mesi. Per poliomielite, difterite-tetano-pertosse sono previste quattro dosi, per morbillo, parotite e rosolia due dosi, per l’influenza il vaccino è stagionale. Quindi non c’è motivo di accostarsi a questo terzo vaccino con pregiudizi. Ricordo che anche alle nuove categorie verranno somministrati solo i composti di Pfizer e Moderna per i quali esistono studi sulla terza somministrazione…”.