Via libera della Camera alla proroga dei lavori della Commissione d’inchiesta sul caso Regeni. M5S: “Dobbiamo continuare a batterci per la verità”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Aula della Camera ha dato oggi il via libera, quasi unanime, alla proroga del termine per la conclusione dei lavori della Commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, i cui lavori potranno proseguire dunque fino al 3 ottobre 2021. La proposta è stata approvata con 451 voti a favore ed uno solo contrario. “La commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni – dichiarano i deputati M5S presenti nella stessa Commissione – ha svolto in questi mesi un lavoro importante, fatto di audizioni, domande con cui ricuciamo a poco a poco, ogni aspetto di questa tragica e inspiegabile vicenda. Oggi siamo contenti che in Aula è stata votata all’unanimità la proroga di questi lavori”.

“Dobbiamo continuare a batterci con dedizione, coraggio, ostinazione – proseguono i parlamentari pentastellati – per arrivare ad ottenere verità e giustizia per Giulio. La ricerca di verità per la morte di Giulio non è e non deve essere soltanto il tentativo di dare risposta al dolore e alla ricerca di due instancabili genitori. Le riposte su quanto accaduto a Giulio Regeni in quei drammatici giorni è la ricerca della verità di un intero Paese che non ha mai smesso di chiederla, che non ha mai smesso di riunirsi nelle piazze ogni anno nell’anniversario della tragica scomparsa, non ha mai smesso di appendere lo striscione giallo con l’immagine di Giulio”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA