Via libera di Palazzo Chigi ai decreti clima e scuola. Pacchetto di misure a difesa dell’ambiente. Arriva la stabilizzazione per 24mila insegnanti precari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge clima e al decreto legge sulla scuola. “E’ il primo atto normativo del nuovo governo che inaugura il Green New Deal – ha detto il ministro dell’Ambiente Sergio Costa a proposito dell’approvazione del decreto clima -: il primo pilastro di un edificio le cui fondamenta sono la legge di bilancio e il Collegato ambientale, insieme alla legge Salvamare, in discussione alla Camera, e a ‘Cantiere ambiente’, all’esame del Senato”.

“Tutto questo – ha aggiunto il ministro dell’Ambiente – dimostra che il Governo sta realizzando una solida impalcatura ambientale, che guarda all’Europa e al miglioramento della qualità della nostra vita quotidiana, con misure come il potenziamento della graduale riduzione delle infrazioni per le discariche abusive e per la depurazione delle acque, il bonus mobilità, la riforestazione urbana. Tengo a precisare – ha detto ancora Costa – che la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi, inizialmente prevista nel decreto clima, è contemplata nella legge di bilancio”.

“Un decreto che servirà a normalizzare un po’ la vita delle nostre scuole” ha scritto su Facebook il vice ministro all’Istruzione, Anna Ascani, in merito all’approvazione del decreto scuola. “Dal prossimo primo settembre – aggiunge -, infatti, 24mila insegnanti precari verranno stabilizzati. Per questo serve un concorso straordinario, un intervento in grado di tamponare una situazione di emergenza. Contestualmente partirà il concorso ordinario che servirà a mettere in cattedra altri 25mila insegnanti. Migliorando, non solo la qualità della loro vita, ma anche e soprattutto quella del percorso di studio dei nostri ragazzi e del nostro sistema educativo. Non risolviamo tutti i problemi del precariato nella scuola, lo sappiamo, ma questo è un primo passo importante per cominciare finalmente a voltare pagina”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA