Viaggi, pranzi e spese pazze. Crolla il virtuoso “modello Basilicata”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Antonello Di Lella

Viaggi, pranzi, cd, sigarette e cambio di pneumatici. Sono solo alcune delle voci finite sotto la lente della Procura di Potenza e che, tra il 2010 e il 2011, hanno ingrossato il capitolo “spese pazze” della regione Basilicata. Rimborsi illeciti che hanno portato agli arresti domiciliari due assessori, Vincenzo Viti (Pd) e Rosa Mastrosimone (in quota Idv), e il consigliere e capogruppo del Pdl Nicola Pagliuca. Peculato e falsa attestazione di spese sono i reati contestati. Divieto di dimora a Potenza (sede del Consiglio regionale) per altri 7 consiglieri e attività politica praticamente paralizzata. Provvedimento analogo per un altro ex consigliere, per lui il divieto di dimora è relativo al comune di Valsinni (Matera) dove ricopre un incarico politico. I fondi percepiti illecitamente ammonterebbero complessivamente a circa 170 mila euro. Sequestrati, invece, conti correnti per un valore di 100 mila euro. Nel tardo pomeriggio i due assessori di centrosinistra Viti e Mastrosimone hanno rassegnato le dimissioni dai loro incarichi e si sono detti “pronti a essere sentiti dagli inquirenti per fornire tutti gli elementi utili a chiarire la vicenda”. Poco dopo il presidente della Regione Vito De Filippo (Pd) ha varato una nuova Giunta e ha rassegnato le proprie dimissioni, pur non essendo coinvolto nell’inchiesta: “In questo tempo”, ha affermato De Filippo, “il primo esempio da dare è quello di affermare che la politica è una disponibilità di servizio agli altri, non una bramosia”. Si attendono nuovi sviluppi nelle indagini, ma intanto è crollato anche quello che Pierluigi Bersani, intervistato in passato da una testata locale, aveva definito “modello Basilicata”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA