Vigilanza discreta per Bassetti. Il virologo ha ricevuto minacce di morte dai No Vax. Ma su Astrazeneca non ha dubbi: “Ormai in Italia è morto”

Matteo Bassetti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’Ema anche ieri ha ricordato come il vaccino sia approvato per tutte le età. Certo con quello che è successo in Italia, dove un certo punto ogni cosa che succedeva in Italia sembrava fosse colpa soltanto di questo vaccino, con tanto di titoloni di giornali. E’ evidente che oggi il vaccino Astrazeneca ormai nel nostro paese è definitivamente deceduto e defunto”. È quanto ha detto a Un Giorno da Pecora (qui il podcast) il virologo dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti.

Cosa ne pensa dei rischi legati alla variante delta del Coronavirus? “Un articolo uscito ieri su Lancet dice che facendo la doppia dose di vaccino, sia di Astrazeneca che Pfizer, copriamo bene anche la variante Delta”. Con la variante indiana e la doppia dose quali percentuali di protezioni ci sono? “Dalla morte al 100%, dal contagio variamo tra il 68% all’88%”.

E’ vero che lei ha una scorta dopo le minacce di morte ricevute per la sua battaglia pro vax? “No, io non ho una scorta ma una sorveglianza attiva che vigila intorno a me, visto che ho una serie di imbecilli che pensano di spaventarmi. Sappiano che io sarò sempre dalla parte dei vaccini”.

Gli attacchi sono arrivati anche alla sua famiglia? “Sono arrivati a tutti, io e la mia famiglia abbiamo avuto minacce di morte di ogni tipo, via social, via lettere anonime mail e anche al numero di telefono dell’ospedale, dicendo che mi avrebbero bruciato”.

Perché secondo lei tutto questo odio nei suoi confronti? “Tutto è iniziato quando mi sono speso per i vaccini, forse se la prendono con me perché altri che avrebbero dovuto metterci la faccia non lo hanno fatto”. A chi si riferisce? “Credo che ci sia un’assenza sulla campagna vaccinale abbastanza importante da parte del ministro della Salute – ha detto ancora Bassetti -, che tutte le sere dovrebbe andare in tv a reti unificate a dire che bisogna vaccinarsi”.

E secondo lei perché non lo fa? “Chiedetelo a lui. Credo che la politica dovrebbe prendere una posizione più netta sui vaccini, e non parlo di Speranza, che poi alla fine ce la mette tutta”. Ormai l’estate è alle porte: indosserà la mascherina in spiaggia? “Non la metto, non la metterò e credo che sia una stupidaggine dire di metterla” ha concluso Bassetti.

Dall’archivio: Prima che il Galli canti, Bassetti lo rinnega tre volte. Altro scontro tra virologi: in Italia ormai pure la scienza è un’opinione.