Vigile travolto e ucciso da un Suv, condanna a quindici anni al giovane serbo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Milano. Il giovane Remi Nikolic, accusato di aver travolto e ucciso a bordo di un Suv il 12 gennaio 2012 il vigile Niccolò Savarino è stato condannato a 15 anni di reclusione per omicidio volontario.
Il pubblico ministero aveva chiesto 26 anni, ma a seguito delle perizie disposte dai magistrati minorili il giovane è stato riconosciuto come minorenne al momento del fatto, ed è stata applicata nei suoi confronti la legge più favorevole al reo che ha determinato una pena di entità minore. Il ragazzo rimarrà quindi fino ai 21 anni nel penitenziario minorile e poi passerà in carcere.
Nel frattempo, l’avvocato difensore ha annunciato che ricorrerà in appello per chiedere il riconoscimento dell’omicidio colposo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA