Voli, taxi e spese all’Ikea. Nicole Minetti condannata a risarcire il Pirellone. E dal mese prossimo via alle udienze per i 64 consiglieri lombardi indagati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nicole Minetti e Paolo Valentini Puccitelli sono stati condannati dalla Corte dei Conti a risarcire la regione Lombardia. Spese pazze chiedendo il rimborso al Pirellone depositando scontrini e ricevute, senza depositare documenti utili a dimostrare che quel denaro era stato speso per “finalità istituzionali”.  La Minetti mise a rimborso oltre al libro diventato famoso “Mignottocrazia” anche 832 euro spesi in un hotel il giorno del suo compleanno, il conto di un albergo dove aveva soggiornato a Rimini, spese all’Ikea. Ci sono poi altre spese tecnologiche e corse tra voli e aerei non proprio giustificati. Per un totale di 13mila euro circa. Per Valentini Puccitelli “solo” 6.500.

IL PROCESSO PENALE
Il mese prossimo il Gup esaminerà le 64 richieste di giudizio, tra cui quella della Minetti, per le spese pazze al Pirellone ai tempi di Roberto Formigoni. E vedremo come andrà a finire. Se al danno patrimoniale seguirà altro o meno.