Voto ai 18enni per il Senato, via libera della Commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama al ddl. Parrini (Pd): “Riforma epocale. Al più presto in Aula”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Commissione Affari costituzionali del Senato ha approvato, con l’astensione di Forza Italia, la proposta di legge costituzionale, a prima firma del senatore Dario Parrini (Pd, nella foto), che abbassa da 25 a 18 anni l’età per votare alle elezioni del Senato e da 40 a 25 per candidarsi, parificandola, dunque, con quella della Camera. “Rispettiamo gli impegni presi, avanti con il cronoprogramma delle riforme” ha commentato il ministro per i Rapporti con il Parlamento e le Riforme, Federico D’Incà. “Si tratta di una riforma epocale. Si supera – ha commentato il dem Parrini – la paradossale e ormai anacronistica esistenza di un ramo del Parlamento dotato degli stessi poteri dell’altro ma non eletto a suffragio universale. Il provvedimento andrà al più presto in aula”.