Web insicuro. Violati 500 milioni di account Yahoo!, la società accusa hacker stanieri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una maxi operazione hacker ha portato alla violazione di 500 milioni di account Yahoo!. La notizia è stata data in anteprima dal sito Recode ed è stata successivamente confermata dai vertici della società. Yahoo! ha spiegato che il furto di dati è datato alla fine del 2014: tra le informazioni trafugate possono esserci informazioni personali (data di nascita, indirizzo di residenza), indirizzi mail, numeri di telefoni e probabilmente anche password criptate. Sembra invece di diversa la violazione che ha portato a un problema relativo alla Casa Bianca: online è reperibile il passaporto della first lady, Michelle Obama.

In merito al furto di dati, definito il più grande della storia, Yahoo! ha spiegato: “Stiamo lavorando con le autorità”, aggiungendo che l’attacco hacker è stato “sponsorizzato da Stati stranieri”. Un indizio che conduce ancora una volta alla Russia: negli ultimi mesi numerose aziende hanno subito attacchi informatici. In pratica la metà degli utenti Yahoo! vede a rischio la sicurezza digitale.

L’amministratore delegato della società, Marissa Mayer, deve fare i conti con un ulteriore problema: la cessione al colosso Verizon potrebbe subire un rallentamento. L’operazione dal valore di 4,8 miliardi di dollari includeva anche l’acquisto del servizio email, della piattaforma di immagini Flickr e di quella di blog Tumblr.