Anche Zaia vuole affamare i poveri. Per il governatore leghista il Reddito di cittadinanza non ha prodotto effetti vistosi sull’occupazione. “Meglio la defiscalizzazione delle assunzioni”

Reddito di cittadinanza Zaia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La riforma degli ammortizzatori sociali è “fondamentale anche in vista del Pnrr”. “Io credo debba essere rispettosa di chi si è spaccato la schiena per fare grande questo paese” è quanto ha detto al Corriere il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. Per il governatore leghista, il Reddito di cittadinanza non avrebbe prodotto “effetti vistosi sull’occupazione” e l’unica soluzione è “la defiscalizzazione delle assunzioni”.

“Non è una novità italiana, in altri Paesi esiste”, ha detto Zaia, parlando ancora della defiscalizzazione delle assunzioni, “però, abbiamo capito che così come è stato introdotto, ha consentito ad alcuni di lucrare a carico della comunità senza effetti vistosi sull’occupazione: difficile trovare lavoro guardando la tv”.

“La strada era la defiscalizzazione delle assunzioni con qualche misura per evitare i turn over di opportunità”. Quanto agli ammortizzatori sociali, il governatore del Veneto ha affermato: “Credo che questa sia una riforma delle riforme. Deve essere di buon senso e di modernità”.

Leggi anche: Un altro morto sul lavoro a Foggia. Ma per Renzi e Salvini la priorità è far saltare il Reddito di cittadinanza. Già blindato da Draghi e M5S.